Camminare potrebbe non essere la forma più faticosa di esercizio fisico, ma è un modo efficace per rimettersi in forma e bruciare il grasso addominale. Sebbene non sia possibile ridurre il grasso localmente, camminare può aiutare a ridurre il grasso complessivo (incluso il grasso addominale) che, nonostante sia uno dei tipi più pericolosi di grasso, è anche uno dei più facili da perdere. La chiave, tuttavia, è rimanere coerenti e camminare nella giusta zona di frequenza cardiaca per massimizzare il consumo di calorie e grassi.

Obiettivo: bruciare il grasso addominale

Perdere peso (incluso il grasso addominale) significa bruciare più calorie di quante ne consumi. Una volta iniziata una dieta sana ed equilibrata e aumentato costantemente il conteggio dei passi, inizierai a notare la perdita di peso complessiva. Per alcune persone, il grasso della pancia potrebbe essere l’ultima area del corpo in cui noterà i risultati, mentre per altri sarà il primo.

Detto questo, alcuni metodi per perdere grasso e diminuire il girovita sono più efficaci di altri. Di seguito sono riportati tre modi in cui puoi concentrare i tuoi allenamenti per bruciare più grasso possibile, così puoi metterti in forma e raggiungere i tuoi obiettivi di perdita di peso.

bruciare grasso addominale

Zona brucia grassi

Per bruciare quante più calorie possibile e massimizzare la perdita di peso, dovrai camminare nella corretta zona di frequenza cardiaca. La zona brucia grassi è circa il 60–70% della frequenza cardiaca massima e brucia circa 7-12 calorie al minuto a seconda della persona. Puoi calcolare la frequenza cardiaca massima sottraendo la tua età da 220. Quindi, moltiplica quel numero per 0,6. Ad esempio, un trentenne avrà una frequenza cardiaca massima di 190 battiti al minuto (bpm). Per raggiungere un’intensità che equivale al 60%, punta a librarti intorno a 114 bpm.

Quando ti alleni in questa zona brucia grassi, tieni presente che la durata è la chiave. Poiché l’intensità è da bassa a moderata, ti consigliamo di assicurarti che i tuoi allenamenti siano abbastanza lunghi (45-60 minuti) in modo che il corpo bruci i grassi invece dei carboidrati immagazzinati. All’inizio dei tuoi allenamenti, gli zuccheri e i carboidrati immagazzinati vengono bruciati per primi. Quando questi sono esauriti, il corpo diventa più efficiente nel bruciare i grassi man mano che aumenta la durata dell’allenamento.

Bruciare il grasso addominale col cardio rapido

Completare i tuoi allenamenti a piedi in uno stato di digiuno al mattino prima di mangiare o bere qualsiasi cosa può anche aiutare a insegnare al tuo corpo a usare il grasso come fonte di energia per i tuoi allenamenti invece di fare affidamento su quei carboidrati che hai appena consumato a colazione. Ancora una volta, mira a camminare nella zona brucia grassi per almeno 45-60 minuti. Una volta che puoi farlo comodamente, aumenta la durata finché riesci a tollerare la massima combustione dei grassi. Man mano che diventi più in forma, inizierai a vedere i risultati cercati.

Prova questo allenamento per esempio: inizia con una semplice camminata di 10 minuti per riscaldare i muscoli e rilassarti. Per il set principale, cammina per 45 minuti nella zona 2 o fai due set di 22 minuti, facendo una pausa, se necessario, a metà percorso. Puoi anche fare alcuni esercizi come squat, affondi o flessioni per staccare prima di iniziare la seconda metà dell’allenamento. Dopo aver completato 45 minuti, termina la camminata con altri 10 minuti di camminata lenta per rinfrescarti.

Cambia tipo di esercizio

Se fai sempre lo stesso allenamento, il corpo alla fine si adatta e il consumo di calorie sarà meno significativo. Mentre ti impegni a fare la maggior parte dei tuoi allenamenti nella zona brucia grassi, ma la perdita di peso è la tua preoccupazione principale, aumentare l’intensità 1–2 volte alla settimana può darti una spinta in più. In effetti, uno studio dimostra che aumentare l’intensità con l’allenamento ad intervalli può essere ancora più efficace nel ridurre il grasso corporeo sottocutaneo e addominale rispetto all’esercizio fisico di intensità inferiore. Tieni presente che l’esercizio fisico ad alta intensità pone più stress alle articolazioni e richiede un sacco di recupero tra le sessioni per evitare lesioni, motivo per cui si consigliano non più di due sessioni a settimana.

Includere un paio di allenamenti ad alta intensità durante la settimana può essere utile anche per i giorni in cui non hai tanto tempo per allenarti. Per queste sessioni, avrai solo bisogno di circa 30 minuti per ottenere alcuni degli stessi vantaggi delle sessioni di zona 2 più lunghe. Prova questo allenamento di esempio: inizia con un riscaldamento di 10 minuti, aumentando gradualmente il ritmo. Per il set principale, alternare 2 minuti di cammino a un ritmo moderato con 1 minuto al ritmo di cammino più veloce che si possa tollerare. Apri il passo, pompa le braccia e aumenta la frequenza cardiaca il più possibile per bruciare più calorie. Alternare i 2 minuti facili, 1 minuto difficile per 20 minuti. Raffreddare per 10 minuti dopo il completamento del blocco di 20 minuti. Per rendere questo allenamento più difficile, prova a fare jogging o una corsa leggera nei periodi di 1 minuto.

Stai cercando metodi efficaci per perdere peso e stare in forma? Contattaci compilando il modulo in Homepage o tramite telefono e whatsapp. Il nostro team sarà lieto di assisterti gratuitamente

Lascia un commento

Privacy Policy Cookie Policy Credits